Il consultorio del Mit nasce dalle esperienze dei consultori femministi degli anni 70. Un’idea di salute e benessere condivisa e costruita collettivamente, un legame forte tra le lotte politiche femministe e le lotte politiche trans.

L’obiettivo dell’attuale consultorio del Mit, realizzato in collaborazione con realizzato in collaborazione con l’Azienda AUSL Città di Bologna e con l’Ospedale Sant’Orsola Malpighi, è la tutela della salute psichica, fisica e sociale delle persone trans e si rivolge sia ai singoli individui che alle coppie e alle famiglie che hanno bisogno di un sostegno psicologico.
Il percorso di sostegno psicologico e psicoterapeutico prevede all’interno dei colloqui una diagnosi differenziale medica e psicologica, volta all’esclusione di disturbi mentali per procedere alla somministrazione di ormoni e, su richiesta, la redazione di perizie psicologiche e mediche, indispensabili per procedere alla richiesta di rettifica anagrafica e/o chirurgica.

La perizia psicologica riporta un Disturbo di Identità di genere (DIG), la denominazione psichiatrica della condizione trans, contenuta nel DSM V, il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali.
Nei casi in cui la persona voglia anche una rettifica chirurgica si porrà un’attenzione particolare al sostegno psicologico pre e post-operatorio oltre ad una valutazione interdisciplinare sull’eleggibilità interventi di riassegnazione chirurgica.
Sono anche previsti ulteriori colloqui di follow-up, cioè controlli periodici e sistematizzati, negli anni successivi al primo periodo di transizione.
Il Consultorio inoltre si rende disponibile per consulenze, formazioni, supervisioni a operatori di associazioni ed enti pubblici e privati sulla condizione trans da un punto di vista medico e psicologico.


L’equipe è composto da tre psicologhe/psicoterapeute:
Dott.sa Daniela Anna Nadalin
Dott.sa Anna Paola Sanfelici
Dott.sa Patrizia Stella
e una specialista endocrinologa
Dott.sa Maria Cristina Meriggiola e un’operatrice pari addetta all’accoglienza.

I protocolli seguiti sono redatti dal Servizio Sanitario Nazionale e dall’ONIG (Osservatorio Nazionale Identità di Genere) – WPATH.

COME FUNZIONA

Dopo aver preso un appuntamento telefonico si effettua un primo colloquio di presa in carico durante il quale si stabiliscono appuntamenti e regole di accesso.
Si cominciano i colloqui psicologici secondo tempi concordati tra utente ed équipe.
In sintonia con il percorso psicologico si decidono successivamente le visite
endocrinologiche con le relative analisi e cure. Alla fine del percorso si può richiedere la perizia che certifica il percorso effettuato.
Il Consultorio MIT è convenzionato con l’Ospedale Sant’Orsola Malpighi dove vengono effettuati alcuni interventi chirurgici di riassegnazione del sesso.

PER INFORMAZIONI E APPUNTAMENTI

Si può fissare un appuntamento o richiedere informazioni contattando il numero 051.271666 dal lunedì al giovedì dalle ore 10.00 alle ore 16.00 e il venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00.

Oppure inviando una e-mail a consultorio@mit-italia.it